432 Hz Blue’s Lab – “Blues in the night” live with an original tuning to 432Hz that it is our peculiarity for the rediscovery of warmer and soft atmospheres.

Irene – vox
Max Benassi – chitarra
Matteo Zucconi – contrabbasso
Riccardo Frisari – batteria

Mix tra audio e video = come risolviamo il problema che in una serata è venuto solo bene l’audio e nell’altra è venuto solo bene il video? = MIX (che fatica la sincronizzazione!)

Blues in the Night è una canzone popolare americana che è diventato uno standard pop ed è generalmente considerata parte del Great American Songbook. La musica è stata scritta da Harold Arlen, il testo di Johnny Mercer, per un film 1941 iniziato con il titolo provvisorio Hot Nocturne, ma poi rilasciato come Blues in the Night. La canzone è cantata nel film da William Gillespie.

“Blues in the Night” is a song which has become a standard and is generally considered to be part of the Great American Songbook. The music was written by Harold Arlen, the lyrics by Johnny Mercer, for a 1941 film begun with the working title Hot Nocturne, but finally released as Blues in the Night. The song is sung in the film by William Gillespie.

Annunci

432Hz Blue’s Lab: alla riscoperta dell’intonazione.

Blue come le prime quattro lettere del blues e come il colore dell’energia che scaturisce dalla  terra.

Lab perché la  sperimentazione è alla base non solo del repertorio, ma di tutto il progetto…

432 è il numero pilastro della filosofia che ha fatto nascere 432 Blue’s Lab: i pezzi vengono eseguiti tutti con una intonazione fuori dall’ordinario che qui trova il suo fulcro nella volontà di fondere la musica ai nostri naturali ritmi biologici. La riscoperta di una accordatura con frequenza minore, da quella standardizzata nel 1953, che porta ad una vocalità ed una musicalità più morbida e carezzevole, in maggiore armonia con la voce umana e con le nuove teorie della fisica.

Il progetto propone i classici della musica americana tra gli anni ’30 e ’60 sopratutto impostati sugli accattivanti ritmi dello swing e del jazz con le sue loro particolari atmosfere retrò, il tutto condito con sfumature spiccatamente blues.  Con questo laboratorio musicale ci piace fondere i generi che più amiamo, capaci di dare emozioni e trasmettere pahtos, con un discorso di benessere. Quindi si propone ad un pubblico di ogni età e cultura musicale mantenendo un profilo di soffice intrattenimento, rilassante, pacato, frendly che si apre a svariate tipologie di spettacolo, dai club ai teatri, dalle feste private e pubbliche ai piccoli ricevimenti.  Il nome è evocativo:  Se abbiamo stuzzicato la vostra curiosità… sentirete dal vivo il perché della scelta di questo particolare numero!